44 - Fagiano venerato - Oasi degli Animali

Vai ai contenuti

Menu principale:

44 - Fagiano venerato

Livello 1 uccelli
 

 
Fagiano venerato





DESCRIZIONE: Il nome commemora il naturalista britannico John Reeves, che ne portò i primi esemplari vivi in Europa. Il maschio è lungo dai 90 ai 130 cm, ma si conoscono anche esemplari che raggiungono i 200 cm, la coda è 3\4 della sua lunghezza totale. Ha la testa bianca, con una fascia nera ed una maschera scarlatta sopra gli occhi. Presenta piume nere intorno al collo, mentre il corpo è un misto di piume gialle e bianche orlate di nero; sui fianchi è rossiccio, nero e bianco, mentre ha neri il sottocoda e il ventre, la coda è bruno-rossiccia a strisce bianche e nere, le zampe sono grigie, l’iride è bruna e la pelle nuda intorno agli occhi è di colore rosso. Ha inoltre una coda estremamente lunga, di colore bianco argentato, barrata da strisce bruno castano. Talvolta nel maschio il becco cresce a dismisura, così come gli speroni. La femmina è lunga circa 70-80 cm, ha una colorazione bruno-rossiccia con striature giallastre con la corona nerastra, la faccia marrone e le piume della coda barrate con strisce bruno grigie.

DISTRIBUZIONE:  E’ endemico delle foreste sempreverdi situate sulle montagne della Cina centrale e orientale, nonché del Tibet.

ALIMENTAZIONE: È onnivoro e cerca il cibo grattando e scavando il terreno alla ricerca di semi, insetti quali lumachine e lombrichi, ma si ciba anche di germogli, frutti e fiori. Frequenta anche i campi coltivati alla ricerca di cereali e radici.

RIPRODUZIONE:  Il periodo della riproduzione va da metà aprile a fine giugno. La femmina depone da 6 a 10 uova che cova per 24-25 giorni.  I pulcini raggiungono la maturità sessuale e completano il piumaggio già al primo anno di vita, mentre i sessi cominciano a distinguersi verso i due mesi di vita, ovvero quando nei maschi la schiena comincia ad assumere una tinta gialla.

CURIOSITA’: Questo uccello, allevato per scopi ornamentali, è piuttosto battagliero e rissoso, detesta la vicinanza di specie affini e durante il periodo degli amori perde quel poco di timore che ha nei confronti dell’allevatore, arrivando ad aggredirlo. E’ menzionato nel Guinness dei Primati per avere le penne della coda più lunghe di ogni altra specie.

CONSERVAZIONE:   A causa della perdita dell'habitat, della caccia smisurata per le sue carni prelibate e per le piume della coda, il fagiano di Reeves viene classificato come vulnerabile dalla lista rossa delle specie minacciate della IUCN.

 
 


Torna ai contenuti | Torna al menu