37 - Inseparabile di Fisher - Oasi degli Animali

Vai ai contenuti

Menu principale:

37 - Inseparabile di Fisher

Livello 1 uccelli
 

INSEPARABILE DI FISCHER



 
 
 
DESCRIZIONE:   Fu scoperto la prima volta alla fine del 1800. E’ un piccolo pappagallino dal piumaggio per la maggior parte verde, più scuro sulle ali e più chiaro sul petto. La fronte, le guance e la gola sono color arancio-rosso e il resto della testa è color verde oliva opaco tendente al marroncino sulla nuca. Il collo e la parte superiore del petto sono color giallo dorato, mentre la coda presenta delle strisce gialle e nere e delle piume blu pallido sulla parte superiore. L’occhio è marrone, circondato da un anello bianco. Il becco è rosso e le zampe sono grigio pallido. I giovani pappagallini inseparabili sono più opachi, soprattutto sulla testa, e hanno macchie nere sul becco. Hanno una lunghezza di circa 15 cm e pesano circa 40 – 58 grammi. La femmina è uguale al maschio poiché la razza non presenta segni di dimorfismo sessuale. In libertà vivono in ampie colonie di coppie e quando volano per lunghe distanze, si spostano in modo rapido e diretto. Spesso una coppia dà origine ad una vera famiglia che può arrivare fino alla ventina di elementi. Tali famiglie cacciano da sole durante la giornata e si riuniscono al gruppo la sera. La dimensione degli stormi può comprendere anche centinaia di individui quando si riuniscono presso delle fonti di cibo. Vivono tra i 15 e i 20 anni.

DISTRIBUZIONE: Si trovano principalmente in Tanzania (soprattutto nelle regioni settentrionali) ed in Kenia, ma anche in Ruanda e Burundi. L’habitat è compreso ad altitudini tra i 1100 e i 2000 m. Vivono in boschi aridi, foreste della macchia e savane dominate da acacie, baobab e datteri del deserto. Spesso avvistati anche nelle aree agricole.

ALIMENTAZIONE:     Si nutrono di semi, bacche, germogli e frutta fresca.

RIPRODUZIONE: Come altri Inseparabili del genere Agapornis, scelgono un compagno per la vita; il termine “inseparabile” nasce infatti proprio dal forte legame che maschio e femmina creano l’uno con l’altra e quando vengono separati la loro salute ne risente. I due membri della coppia amano essere in contatto fisico il più possibile si lisciano affettuosamente le piume a vicenda e si mordono il becco l’un l’altro, facendo sembrare che si stiano baciando. Il periodo di accoppiamento va da gennaio ad aprile e da giugno a luglio durante la stagione secca. Nidificano nelle cavità naturali delle rocce, alberi, edifici o anche nidi abbandonati. Dopo aver trovato un sito di nidificazione adatto, la femmina raccoglie della vegetazione nel suo becco, come erba, steli e strisce di corteccia per foderare la cavità e creare il nido. Una volta terminato il nido è una struttura coperta e voluminosa, con un tunnel che conduce a una camera chiusa in cui la femmina depone da 3 a 8 uova per covata. Durante la nidificazione la femmina diventa molto aggressiva e protettiva. Le uova sono piccole, rotonde e bianche e si schiudono dopo 21-23 giorni. Mentre la femmina cova il suo compagno la nutre attraverso il rigurgito. I pulli nascono nudi e indifesi ed entrambi i genitori cominciano a nutrirli rigurgitando il cibo direttamente nella loro bocca. Sviluppano completamente il piumaggio in circa 38 giorni e diventano indipendenti quattro settimane e mezzo dopo la schiusa.

CURIOSITA’: Sono dei pappagallini loquaci che cantano e fischiettano tutto il giorno, in particolare all’alba e al tramonto. Sebbene abbiano una spiccata intelligenza non parlano ma hanno un canto molto piacevole. Possono inoltre imparare molti giochetti: anche se non sono in grado di manipolare oggetti con una sola zampa, possono comunque sventolare o rigirare degli oggetti e posizionarli dentro delle scatole. Sono uccelli estremamente adattabili tanto che, data la massiccia e prolungata importazione nonché la diffusa abitudine di abbandonare gli animali, se ne sono avvistate colonie inselvatichite in varie città.

CONSERVAZIONE:   Le principali minacce per l’Inseparabile di Fischer sono il commercio di uccelli vivi e la distruzione dei suoi habitat naturali da parte dell’uomo. La popolazione globale non è al momento considerata in pericolo ma, come accade per molte specie di pappagalli, le popolazioni potrebbero diventare minacciate se non viene posto un freno alla cattura per il commercio e alla distruzione degli habitat. Questo rende ancora più necessario assicurarsi che l'esemplare che si desidera acquistare sia nato in un allevamento e non sia stato violentemente e illegalmente strappato alle sue abitudini ed al suo habitat naturale.




Torna ai contenuti | Torna al menu