36 - Mangusta delle Paludi - Oasi degli Animali

Vai ai contenuti

Menu principale:

36 - Mangusta delle Paludi

Livello 2 mammiferi



Mangusta delle paludi





DESCRIZIONE: La mangusta di palude o mangusta acquatica è un mammifero carnivoro della famiglia Herpestidae. È l'unica specie del genere Atilax. Di medie dimensioni pesa 2,5-4,1 kg circa, con un corpo che misura 46–62 cm e una coda di 32–53 cm. Il colore della pelliccia spessa e ispida è marrone scuro sul collo, sul corpo e sulla coda, mentre è più chiara nelle regioni inferiori; sulle zampe il pelo è più corto. Queste ultime munite di cuscinetti poco sviluppati, molto soffici e sensibili,  ricordano quelle di un procione, con i pollici che fungono da sostegno passivo, migliorando la tenuta dell'animale su una superficie scivolosa.  Le unghie sono corte e arrotondate e sono usate per scavare. Intorno all'ano e sul labbro superiore i peli sono scarsi. Normalmente sono presenti due paia di mammelle. I canini inferiori sono ben sviluppati mentre i denti premolari sono molto robusti e utilizzati per frantumare cibi duri. La coda è folta e stretta e finisce formando una punta.Nonostante sia la mangusta che più predilige l’ambiente acquatico è priva di membrana tra le dita delle zampe posteriori. E’ solitaria e attiva prevalentemente di notte e al crepuscolo, sebbene sia stata osservata in attività anche durante il giorno. Nuotatrice eccellente preferisce tuttavia tenere la testa fuori dall'acqua e si riposa frequentemente sulle chiazze d'erba e sulla vegetazione fluttuante. Regolare nelle abitudini, questa mangusta segue percorsi rigidi e ben definiti lungo la riva e in altri specchi d'acqua, nascosta frequentemente dalla vegetazione. I suoi territori sono difesi strenuamente e solitamente comprendono le acque intorno alla sua dimora. Quando è minacciata emette un verso di bassa frequenza che può essere rinforzato da brontolii improvvisi ringhiando solamente quando si sente veramente in pericolo e se è seriamente spaventata può anche lanciare dei getti di fluido bruno e maleodorante dalle sue sacche anali. Quando è eccitata, invece, può emettere un lamento di tono acuto o un belato a bocca aperta. In cattività la mangusta di palude ha una longevità di 17 anni circa.

DISTRIBUZIONE:  Vive prevalentemente nelle paludi e nei fiumi dell’Africa sub-sahariana, con una preferenza per le zone di acqua dolce stagnante circondate da densa vegetazione, come paludi, giuncheti ed estuari, anche se ci sono stati avvistamenti in aree collinose, dove la vegetazione acquatica era scarsa o del tutto assente.

ALIMENTAZIONE: E’ versatile e onnivora anche se prevalentemente carnivora. Nelle zone paludose in cui vive si trovano molti tipi di cibo: granchi d'acqua dolce, cozze e lumache sono i cibi principali, ma anche rettili, uccelli e le loro uova, grandi insetti e le loro larve, millepiedi ed anche una grande varietà di frutta. Questi animali indagano su ogni buca o fessura lungo le rive del fiume, trovando spesso granchi o rane nascoste.  Durante la raccolta, la mangusta tiene spesso la testa fuori dall'acqua. Il movimento di vagliatura delle mani è rapido e continuo finché non trova il cibo. Animale intelligente è stata vista sbattere granchi e lumache contro le rocce allo scopo di romperne il guscio. Alcuni autori sostengono che per cacciare i volatili si metta sul dorso, simulando di prendere il sole: in questa posizione tiene la coda ritta, in modo che la regione anale pallida e rosa spicchi sul mantello scuro e induca gli uccelli ad avvicinarsi per beccare l’ano così quando questi sono a tiro li aggredisce fulmineamente e li divora.

RIPRODUZIONE: Si sa poco del loro comportamento sessuale, ma è noto che si riproducono due volte l'anno, una nella stagione secca e una in quella delle piogge. La femmina, dopo una gestazione di circa 76 giorni, per mettere alla luce i piccoli solitamente usa una cavità vicina all'acqua e, se questa non è disponibile, costruisce un nido con ogni sorta di giunchi, erbe e ramoscelli.  I piccoli 2/3 per figliata aprono gli occhi dopo 9-14 giorni. Appena sono stati svezzati, dopo 30-46 giorni, si allontanano.  A volte un secondo adulto accompagna la famiglia.

CURIOSITA’: In alcune regioni dell'Africa, la mangusta di palude viene tenuta come animale da compagnia ed è molto docile e pulita.

CONSERVAZIONE:   Con una distribuzione abbastanza ampia e grandi popolazioni, questi animali sembrano difficilmente in pericolo a breve.






Torna ai contenuti | Torna al menu