36 - Biancone - Oasi degli Animali

Vai ai contenuti

Menu principale:

36 - Biancone

Livello 1 uccelli
 

 
Biancone



 
 
 
DESCRIZIONE: Il Biancone o Aquila dei serpenti è un grande rapace con una lunghezza corporea di circa 70 cm, un'apertura alare di 170–190 cm. ed un peso compreso tra 1,3-2,5 Kg.. E’ più grande della comune poiana e più simile nella struttura a un'aquila. Il mantello è chiaro nelle parti inferiori, con barre brune. In volo le ali appaiono quasi completamente bianche, con alcune barre scure. Le parti superiori sono bruno-grigie; guance, gola e petto sono bruni e generalmente i maschi sono più chiari delle femmine. Ha una testa relativamente grande e occhi gialli e lucenti. I piccoli atti al volo sono molto più chiari e hanno talvolta una testa quasi bianca. Le zampe, con i tarsi parzialmente nudi, sono grigie e munite di spesse placche cornee. In qualità di evidente uccello migratore si sposta tra agosto e ottobre con prestazioni giornaliere fino ai 100 km/h principalmente passando per Gibilterra verso le regioni a sud del Sahara e facendo ritorno in Italia solo verso marzo. In tutto il mondo ci sono 4 - 6 specie del genere Circaetus che si possono trovare tutte anche in Africa ad eccezione del Circaetus gallicus. L'età massima è di circa18 anni .

DISTRIBUZIONE: L’areale di distribuzione va dalla Spagna all’Europa Centrale e si estende fino all’Iran, all’india, alla Mongolia settentrionale e all’Africa. In Europa è tra le specie più rare. Ama le regioni calde, aperte e ricoperte di arbusti come le steppe, le savane, i deserti sconfinati e le foreste. Importante per questo animale è la presenza di animali da preda.

ALIMENTAZIONE: La sua particolarità è quella di nutrirsi quasi esclusivamente di serpenti (comprese le vipere) ed in misura marginale lucertole, uccelletti, piccoli mammiferi, anfibi ed insetti. Caccia planando lentamente a quote anche piuttosto alte, esplorando attentamente il terreno con la testa rivolta verso il basso e con frequenti soste in "spirito santo" (volo battuto senza spostamenti), come il Gheppio. Questi uccelli circondano la loro vittima sbattendo le ali, così da non lasciare al rettile alcuna possibilità di mordere. Una volta ucciso, il serpente viene divorato subito al suolo o in volo. Nel corso di una stagione riproduttiva una coppia di bianconi cattura dai 700 agli 800 esemplari.

RIPRODUZIONE: Costruisce il suo nido preferibilmente in alberi alti dislocati sui pendii. Depone le uova probabilmente solo all'età di tre o quattro anni e solo una volta all’anno un unico uovo bianco lungo circa 7 cm. La femmina cova a maggio e giugno per circa 35-45 giorni. Il piccolo resta nel nido per 60-80 giorni. In Europa meridionale e in Marocco la deposizione dell’uovo avviene in aprile, in India al contrario già a gennaio/febbraio. Generalmente silenzioso nel periodo riproduttivo emette in volo sul nido una specie di canto melodico.

CURIOSITA’: Il suo nome latino "Circaetus" deriva dal greco "kirkos" = falco e "aëtos" = aquila, mentre l'aggettivo "gallicus" fa riferimento a quell'area della Francia detta Gallia.

CONSERVAZIONE:  Attualmente classificato come “sicuro” nell’Unione europea ma con stato di conservazione meno favorevole a livello continentale.





Torna ai contenuti | Torna al menu