26 - Macaco Nemestrino - Oasi degli Animali

Vai ai contenuti

Menu principale:

26 - Macaco Nemestrino

Livello 2 mammiferi
 


MACACo NEMESTRINo




 
 
DESCRIZIONE: È una delle specie più grandi del genere Macaca: la lunghezza è di circa 60 cm, esclusa la coda semieretta e a ricciolo/spirale (per questa caratteristica è chiamato anche macaco coda di porco) lunga dai 15 ai 20 cm, gli arti sono molto lunghi, mentre l'altezza media è di 50 cm. Il pelo si presenta di colore bruno-olivastro sul dorso, mentre sul ventre è tendente al giallo-marrone. Il macaco è attivo di giorno prevalentemente al suolo, mentre di notte riposa sugli alberi. Nonostante non sia particolarmente aggressivo questo macaco ha un aspetto imponente e piuttosto minaccioso, soprattutto quando, nel momento del pericolo, apre la bocca per mostrare i canini superiori, assai sviluppati nei maschi. Vive in gruppi formati da 10 a 100 individui, nei quali la popolazione adulta contiene femmine in quantità da tre a quattro volte maggiore di quella dei maschi. I maschi in eccedenza formano gruppi di soli maschi. Intelligente e molto robusto viene addomesticato ed utilizzato per la raccolta delle noci di cocco. L'aspettativa di vita è tra 15 e 20 anni in natura, ma può superare i 30 anni in cattività.

DISTRIBUZIONE:   Vive nelle giungle e nelle aree paludose dell’Asia sudorientale (Indonesia, Malesia, Borneo, Sumatra) dal livello del mare ai 2000 metri di altitudine.

ALIMENTAZIONE:     La dieta è basata soprattutto sulla frutta, ma comprende vari altri cibi vegetali e occasionalmente insetti, uova di uccelli, piccoli vertebrati e in alcuni casi anche crostacei.

RIPRODUZIONE:     La gestazione dura tra 160 e 186 giorni e porta alla nascita di un solo cucciolo che raggiunge la maturità sessuale fra 3 e 4 anni nel caso delle femmine e tra 6 e 7 anni in quello dei maschi.

CURIOSITA’: Scalatrici agili e abili, queste scimmie sono in grado di raccogliere diverse centinaia di noci di cocco al giorno (da 300 a 1.000). Sono incatenate per il collo e addestrate a scegliere solo le noci di cocco mature e sono costrette a farlo, giorno dopo giorno e per tutto il giorno. Purtroppo, il lavoro e la sottomissione delle scimmie, viene visto come una sorta di “intrattenimento”, in cui la sottomissione e il lavoro forzato dei primati viene considerato quasi curioso, una stranezza divertente piuttosto che valutato per quello che realmente è: sfruttamento di vite altamente intelligenti. Inoltre molte volte i cuccioli vengono strappati alle madri dai bracconieri con metodi di cattura diversi, ma tutti ignobili di cui il più comune è quello di sparare alle femmine adulte per impossessarsi del cucciolo, strappandoglielo dalle braccia. Questo allo scopo di poterli vendere a privati che li comprano per tenerli davanti alle proprie abitazioni o per farli esibire in spettacoli itineranti.

CONSERVAZIONE:    La specie è particolarmente vulnerabile a causa di quanto riportato sopra.





Torna ai contenuti | Torna al menu