23 - Antilope Cervicapra - Oasi degli Animali

Vai ai contenuti

Menu principale:

23 - Antilope Cervicapra

Livello 2 mammiferi
 


 
ANTILOPE CERVICAPRA




 
DESCRIZIONE: Ha molta rassomiglianza con il nostro daino, ma è alquanto più piccola, più snella, e molto più elegante di questo. La sua lunghezza è di circa metri 1,10 e 15 centimetri la coda, 22 con il fiocco finale; l'altezza al garrese è di 75 centimetri. Il corpo è esile, allungato, depresso; il dorso è diritto ed alquanto più alto dietro che non al garrese. Le zampe sono alte, sottili, fini, le posteriori più lunghe di quelle anteriori. Gli occhi relativamente grandi sono di una estrema vivacità. Ha corna caratteristiche, presenti solo nei maschi: lunghe fino a 70 centimetri, iniziano diritte, quindi presentano un attorcigliamento a spirali strette e allungate. Il mantello è bruno-rossastro, quasi nero sul dorso e sui fianchi nei maschi, fulvo-giallastro nelle femmine e nei giovani; le parti inferiori sono bianche, come bianco è un tipico anello che circonda gli occhi. E’ velocissima nella corsa ed una  provetta saltatrice. La sua aspettativa di vita si aggira sui 15 anni circa.
 

DISTRIBUZIONE: Il safi abita l'India occidentale e  vive in branchi di 50 o 60 individui, sotto la guida di un vecchio maschio. In ogni circostanza preferisce alle regioni boscose quelle che sono aperte, dove può badar meglio alla propria sicurezza.
 
ALIMENTAZIONE: L’antilope cervicapra è erbivora e si nutre principalmente di erba corta e altre specie vegetali, fra cui vari cereali coltivati e per lungo tempo possono stare senz'acqua.
 
 
RIPRODUZIONE: Può avvenire  nell’arco  di tutto  l’anno,  ma soprattutto tra Marzo e   Aprile e tra  Agosto  e  Ottobre. Nella  maggior  parte  dei   casi  la femmina partorisce 1 solo piccolo, che nasce  dopo un  periodo di gestazione di circa 6 mesi. Lo svezzamento si protrae per altri 2 mesi, ma i giovani restano spesso con i genitori anche una volta raggiunta l’indipendenza. La maturità sessuale viene raggiunta attorno a circa 1,5-2 anni di età.      Le femmine sono atte alla riproduzione a 2 anni, mentre i maschi verso i  tre anni.
In stretta connessione con le emozioni amorose è la ghiandola lacrimale; le pareti interne della borsa secernono una materia di odore acuto, la quale si stacca con lo stropicciarsi agli alberi o alle pietre e serve a porre l'altro sesso sulle tracce del cercatore d'amore.
 
CURIOSITA’:  In  India  il safi  viene sovente  addomesticato e tenuto  in conto di animale divino, di semidio, alla cui cura sono preposte donne che lo abbeverano con latte, mentre musicanti suonano le loro melodie. Soltanto i bramini ne possono mangiare la carne. Con le sue corna gli ecclesiastici preparano armi speciali: consolidano le due estremità per mezzo di cavicchi di ferro e d'argento. Queste armi vengono portate a guisa di bastone e si  adoperano come  giavellotti. Le pallottole di bezoart, che si trovano nello stomaco di questa antilope e in quello di molti  altri  ruminanti, passano  per farmaci  efficaci  e  sono assai ricercate. L' antilope cervicapra ha inoltre una parte importante nella teologia indiana ed è, con molte altre specie, sacra alla dea Tschandra, o alla luna. Nel sanscrito si chiama ena, la maculata: ora porta il nome di safiu o safi. Innumerevoli poesie celebrano la sua bellezza.
 
 
CONSERVAZIONE:  L’antilope cervicapra era originariamente diffusa  praticamente in  tutto il subcontinente indiano, ma il suo areale si è drasticamente ridotto nel corso del XX secolo, anche se recentemente la popolazione sembra più stabile e in aumento in  molte  aree protette. Oggi  è  estinta  in Bangladesh,  Nepal  e  Pakistan. Alcune  popolazioni  sono  state introdotte negli Stati Uniti e in Argentina. Gli habitat naturali dell’antilope cervicapra  sono minacciati  dalla crescita  delle  popolazioni e delle  attività antropiche,  tanto  che è previsto  un peggioramento  dello stato di rischio  della  specie  nei prossimi  10  anni.   Oltre  alla  perdita  d’habitat,  anche  la  caccia eccessiva rappresenta  una minaccia  per  la  sopravvivenza  della specie.
 
 






Torna ai contenuti | Torna al menu