02 - Boa Costrittore - Oasi degli Animali

Vai ai contenuti

Menu principale:

02 - Boa Costrittore

Livello 5 rettili
 


boa costrittore





 
DESCRIZIONE: Deve il suo nome alla tecnica con cui uccide le sue prede, ovvero, avvolgendole con il suo lungo corpo e stritolandole fino a soffocarle. I boa, infatti, come tutti i serpenti della stessa famiglia non sono velenosi ma, sono comunque dei pericolosissimi predatori. I boa constrictor possono arrivare a raggiungere anche i 4 metri di lunghezza per 30 chili di peso. Caratteristiche di questi serpenti sono la livrea marrone chiaro con decorazioni scure sui lati e il ventre giallo con macchie scure. Si tratta di una specie soprattutto arboricola, il che significa che passa gran parte della sua giornata sui rami degli alberi a caccia di piccoli mammiferi, scoiattoli, uccelli, topi, lucertole e pipistrelli. Riescono a spostarsi da un ramo e l’altro grazie alla coda prensile. Hanno denti molto lunghi che utilizzano per agguantare le prede e sono dotati di organi sensoriali sul labbro (non hanno delle vere e proprie fossette - tranne il boa smeraldino -) queste squame labiali presentano le medesime innervazioni delle fossette e svolgono la stessa funzione termo recettrice, che gli consentono di individuare la preda attraverso il calore emanato dal suo corpo. Sono serpenti crepuscolari ed escono dalla tana dopo il tramonto per andare a caccia. Hanno la testa squadrata, le narici sono più laterali, gli occhi sono bicolori ed hanno da 350 a 430 vertebre.
Si riconoscono 12 sottospecie:
B. c. amarali (Brasile, Bolivia e Paraguay)
B. c. constrictor (Sud America, Trinidad e Tobago)
B. c. mexicana (Messico Centro meridionale)
B. c. imperator (America Centrale e parte nord dell’America del Sud)
B. c. longicauda (Nord Est del Perù e Sud Ovest dell’Ecuador)
B. c. melanogaster (Ecuador e Nord del Perù)
B. c. nebulosa (Dominica)
B. c. occidentalis (Argentina, Sud Est della Bolivia e Paraguay)
B. c. orophias (Santa Lucia)
B. c. ortonii (Perù Nord Occidentale)
B. c. sabogae (Isola di Saboga – Panama)
B. c. sigma (Isola delle Tre Marie – Messico)
In natura è raro che vivano più di 20 anni, mentre in cattività possono raggiungere anche i 30 anni.

DISTRIBUZIONE:  Il boa constrictor è un serpente originario dell’America meridionale e delle Piccole Antille: il suo areale è ampio e va dal Messico centro-meridionale a tutti gli Stati dell'America centrale e meridionale tropicale oltre che nelle Piccole Antille. L’habitat naturale è caratterizzato da fitta vegetazione e dalla presenza di un corso d’acqua nelle vicinanze. Vive principalmente sugli alberi ed è qui che trova gran parte delle sue prede. Preferisce vivere in aree caratterizzate da climi tropicali come le foreste del Sudamerica dove tra il giorno e la notte ci sono notevoli sbalzi di temperatura e la percentuale di umidità è accentuata. Si tratta comunque di una specie adattabile.
ALIMENTAZIONE: Si nutre di piccoli mammiferi, lucertole, topi, scoiattoli, uccelli, pipistrelli e altri serpenti più piccoli.

RIPRODUZIONE: La stagione degli amori per i boa avviene tra ottobre ed aprile. I maschi vengono attirati dall’odore della femmina, diversamente da molte specie simili e l’accoppiamento si verifica con i due animali che si attorcigliano l’uno sull’altro. Sono una specie ovovivipara, questo significa che la femmina cova le uova nel suo ventre fino al momento della schiusa e poi partorisce i piccoli già vivi. La gestazione dura in media 4 mesi, trascorsi i quali la femmina darà alla luce dai 15 ai 20 cuccioli tutti già perfettamente formati e indipendenti, lunghi circa 30/40 cm. Dopo una settima di vita i cuccioli possono già andare a caccia da soli e fanno la prima muta. Raggiungono la maturità sessuale tra i due e i 4 anni.

CURIOSITA’: L'origine del nome lo si deve al termine latino bova (biscia d'acqua).

CONSERVAZIONE:   E’ una delle specie più sfruttate dal punto di vista economico. La perdita dell’habitat e la caccia per il commercio illegale delle pelli per ricavare borse, scarpe, cinture ed altri oggetti, hanno posto alcune sottospecie sulla lista in via di estinzione. Tutti i boa constrictor rientrano nella CITES e sono elencate nell’Appendice II ad eccezione dell’Occidentalis che è elencato nella CITES I.
 





Torna ai contenuti | Torna al menu